Museo Enrico Caruso, Lastra a Signa, Firenze

Scelta dal tenore nei primi del novecento e divenuta presto un rifugio domestico privilegiato, Villa Bellosguardo è il luogo dove oggi si può incontrare Enrico Caruso, percorrerne le sale e scoprirne la storia.

Ascoltarne la voce che, come eco lontana percepibile già dallo scalone d’ingresso, diventa rivelazione della sua presenza.
Intraprendere un’esperienza diretta ed emotiva guidata da un percorso espositivo e percettivo in cui il grande Caruso viene evocato, attraverso supporti di tipo tradizionale e multimediale, da numerosi e diversi elementi: gli oggetti a lui appartenuti, i disegni da lui realizzati, gli importanti riconoscimenti, le immagini che lo rappresentano nel mondo.
Vivendo un’esperienza di conoscenza completa ed innovativa, unica nel suo genere, e capace di modificarsi nel suo aspetto fruitivo e percettivo.

CREDITI
progetto museale esecutivo e coordinamento: Eleonora Burlando, Riccardo Miselli
committente: Comune di Lastra a Signa www.comune.lastra-a-signa.fi.it
aspetti multimediali: Casa Paganini /INFOMUS Lab www.casapaganini.org
illuminotecnica: ARCHILUCE LIGHTING DESIGN www.archilucedesign.com
grafica: Siks comunicazione www.siks.it 
foto: Ge_Nova fotografi associati

imprese esecutrici:
impianti: Borghini e Cinotti, Empoli
arredi: GMC arredamenti, Gattorna, Genova www.gmcarredamenti.it

calendario:
gara d’appalto: 2010
progetto esecutivo: 2010
realizzazione: 2010/2011

costi totali:
500.000 euro