Complesso interparrocchiale a Baragalla, Reggio Emilia

17-vista della strada interna

Il paeaggio emiliano è governato dal fascino dell’orizzonte piatto; l’eccezione è il suolo che s’innalza nella metafora del colle, il paesaggio naturale che si orienta verso il cielo. L’immagine dell’edificio sacro si consolida nell’inquadratura che delinea in nuovo paesaggio ed il colmo della sua facciata lapidea fissa l’apice da cui si svolgono i piani di copertura di tutto il sistema architettonico, verso il suolo.
Un’architettura compatta ed accessibile, definita dalle linee dei tracciati che descrivono la forma della collina abitata e generano un organismo architettonico.
I tre corpi distinti che compongno il Centro Interparrocchiale si dispongono sul terreno secondo un particolare accorgimento prospettico che ne accentua la contiguità, esaltando il rapporto tra le architetture e il contesto naturale.

 

CREDITI
progetto: NEOSTUDIO (Eleonora Burlando, Riccardo Miselli) , Franz Prati (capogruppo), Stefano Libanati, Benedetta Lamberti
artisti: Luciana Rattazzi, Danilo Trogu
Strutture: MS Ingegneria

committente: CEI – Conferenza Episcopale Italiana
calendario:
concorso di progettazione ad inviti / terzo premio 2006

programma:
chiesa, canonica, aula polivalente, spazi pubblici

costi totali
7.000.000 euro